Vi racconto il mio giardino

PER  DINA
Nel mio giardino ci sono diversi fiori, alcuni nascono spontanei, altri naturalmente li ho piantati o seminati io. Quando posso faccio un giro controllando come stanno, chi è appena nato, chi ha voglia di uscire, ma ancora non ce l’ha fatta, talvolta li taglio, ma solo se stanno per sciuparsi ed è in arrivo un temporale.
Le regine secondo il sentire comune sono le rose, fiori naturalmente  romantici che, ben protette dalle loro spine, si schiudono attorcigliandosi languidamente nel loro sentimento. Le rosse quasi vogliose e passionali, le rosa che sembrano sussurrare delicatamente il loro amore e poi le bianche. Da me fiorisce ora, dopo qualche anno di fatica e di stenti dovuti all’ambientazione, una qualità chiamata “iceberg “, molto delicata, con i petali sottilissimi ed un aspetto virginale con cui sembra dire trattami delicatamente e con dolcezza perché basta un leggero soffio di vento e perdo i petali insieme alla mia incontaminata bellezza.
Quelle piccoline, gialle, si guardano l’un l’altra in cagnesco, lo sappiamo sono gelose.
Poi le peonie che sono tronfie e si godono la loro esuberanza di fiore superbo,

IMG_20160429_224841749
Peonie              Stava per arrivare un temporale!!!!

appassendo cambiano colore sbiadendo come per avvisarti che la vita, solo come la intendiamo noi ben inteso, le sta lasciando piano piano, ma Loro resistono finché possono, consapevoli che sono bellissime fino all’ultimo minuto.
Nel Prato ci sono le margherite, sempre allegre, piene di gioia sorridono al sole, solo all’imbrunire si rattristano un po’ per avvisarti che sta arrivando la sera. Fra i fili d’erba sbucano tanti occhietti azzurri che ti guardano con aria curiosa, quasi ti seguono quando cammini perché’ sono insaziabili di novità.
E le campanule…io le adoro e mi sono circondata di tanti tipi e colori., dai campanellini dei mughetti che mi ricordo bene nelle favole di quando ero piccola suonavano, ne sono sicura. Quelle blu, piccole e delicate e quelle più grandi certe di essere forti. Quelle grandi grandi delle petunie che si deprimo tanto quando piove forte e quelle strane e articolate dei cosiddetti Bocche di leone. Avrete messo certamente le dita dentro per far aprire e chiudere quella bocca invitante e quasi vellutata!
Che dire delle spighe di Acanto, sembrano guerrieri pronti all’assalto nelle loro armature argentate.
Un altro giorno, se vi interessa, vi racconterò degli alberi i cui frutti contendo sempre animatamente con gli uccelli.
Ora mi è venuta in mente una piccola storia di quando mia figlia era piccola, tre o quattro anni. Non avevo il giardino, ma solo un terrazzo. Comprai una Chicas  molto piccola e bruttina perché costavano tantissimo per le mie tasche . Strana pianta, lentissima, con le foglie così acuminate che pungono, solo dopo trenta o quaranta anni, se cresciuta bene, fiorirà . Un fiore lanoso e appiccicoso perché ne è molto gelosa, lo tiene ben conservato e lo mostra solo a pochi intimi e solo nelle grandi occasioni. Io prestavo molte cure a questa pianta con l’aspetto così aspro e poco gentile, mia figlia era incuriosita e sempre più spesso vi si avvicinava e la toccava. Preoccupata doppiamente per lei che si pungesse con le foglie e per la mia povera pianta perché non si può sapere cosa farà un bambino, mi avvicinai. “Come si chiama?” mi chiese ed io con una punta di orgoglio le dissi Chicas e vedendo la sua espressione perplessa incominciai a raccontare ” vedi si chiama così perchè questa pianta canta di notte alla Luna e fa così: chica chica bum ah, chica chica bum ah. E’ una pianta magica!”
Sorrise e se ne andò soddisfatta. Una sera, era già tardi, la sorpresi che sgattaiolando fuori dalla sua cameretta era uscita in terrazzo… La segui subito, la vidi serenamente seduta per terra con il suo pigiamone, per nulla preoccupata del buio. ” Bimba cosa fai qui?” “Sto aspettando, voglio sentire la pianta cantare alla Luna…….!”

Annunci

12 thoughts on “Vi racconto il mio giardino

      1. Ciao Giovanna, buongiorno :)…è vero concordo a pieno con il tuo pensiero, con la natura si crea sempre un linguaggio interattivo, quasi mistico…Grazie a te Giovanna..sempre un vero piacere, ti auguro una giornata splendida! 🙂

        Mi piace

  1. Racconto delicatissimo, surreale e poetico insieme…connotato da una sensibilità sottile che sa fare del giardino, la metafora di un mondo.
    Bellissimo, Gio’

    Mi piace

  2. Non so perché, ma non mi arrivano le notifiche quando pubblichi un post.
    Meno male, sei passata da me.
    Il racconto mi ha emozionata. Il finale, con tua figlia è da pelle d’oca.
    Tanti aspetti diversi, che convivono, serenamente! Ognuno con le sue peculiarità, ognuno importante.
    Ti ringrazio tantissimo per aver pensato a me è Rebecca. Appena torna da scuola, gliela faccio leggere.
    La tua sensibilità è una dote rara.
    Ora lo ribloggo.
    Mi piace troppo❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...