NEVE CHE PASSIONE!

20180226_105351~220180226_14222520180226_105339~2

😊🤗

Non luce

 Ora la sera cala prima e in pochi minuti diventa buio.

Questa quasi improvvisa mancanza di luce fa scendere un velo di nostalgica tristezza sul mio animo.

Perché? Possibile che ancora oggi abbia timore del buio? Eppure tutto intorno a me sembra diventare leggermente sfocato, le cose che stamane brillavano con il sole hanno perso la loro lucentezza e hanno assunto un aria triste. Tutto è più mite e più  cheto, ma iniziano le ombre e ciò che di giorno sorrideva ora assume un’aria minacciosa. In qualche modo tutto questo influisce sul mio umore, non me ne accorgo, ma la testa si abbassa un pochino, lo sguardo non mira più lontano e l’udito sembra acuirsi leggermente. Non sto sulla difensiva, ma mi manca qualcosa per sentirmi bene, a mio agio, in armonia con tutti e con tutto. In realtà nulla è cambiato nella mia vita da un’ora fa. Poi, all’ improvviso capisco.

Non è l’oscurità in sé che mi fa paura, è la mancanza di luce. Come se fosse diminuita la quantità dì ossigeno che respiro. Certo, che stupida a non averlo capito prima. La luce è l’ossigeno della nostra anima!

MARE

In una sera d’estate con la Luna piena  mi sono seduta in riva al mare a fissare i riflessi argentei sull’acqua.
Nel silenzio della notte ho incominciato a sentire il rumore del mare, il suo sciabordio. All’inizio sembrava un borbottio sonnacchioso, come un vecchio che camminando brontola fra sé  e sé. Poi, guardando le sue acque limpide, il suono è  cambiato, è  diventato dolce e mite, armonioso. Ho prestato la maggiore attenzione possibile cercando di acuire il mio udito. Erano parole, ma non le capivo. Sentivo che il mare  con il suo ripetersi ritmico mi stava parlando, ma nonostante gli sforzi non capivo ciò che mi raccontava. Avevo la sensazione che erano storie antiche e lontane, di luoghi mai visti e per me inaccessibili. Ma era solo una sensazione. Allora ho provato a fare al contrario, mi sono rilassata, non ho più prestato attenzione al suo suono, ma, a poco a poco, ho lasciato che mi entrasse dentro. Lo accompagnavo con tutto il mio essere. Tutto era più  melodico, più  calmo, più soffice e ho capito. Il mare mi parlava trasmettendomi pace, armonia, amore. Mi sussurrava direttamente nell’anima, mi parlava di come le miriadi di vite che racchiudeva ora e tutte quelle che aveva già ospitato prima erano solo presenze fugaci, durate un attimo per il suo essere sempre. Storie piccole e cose piccole, come me, ma che   avevano  contribuito alla sua esistenza, al suo divenire. Come tutto era già  accaduto e continuava a ripetersi, come ciò  non importava perché la vera essenza di tutto era la sua voce, la sua capacità di trasmettere serenità, tranquillità e pace alla mente, al di là di tutto.
Ecco perché si ama il mare.

IMG_20170906_121313